Fattura per prestazione sanitaria e imposta di bollo

Per le fatture relative a prestazioni sanitarie è necessario che sia assolto l’obbligo d’imposta di bollo, pari a 2 euro, su ogni fattura d’importo superiore a euro 77,47 (sempre che sia esente da Iva), da parte di chi emette il documento fiscale. Inoltre, il prestatore può scegliere di addebitare tale importo al paziente.

In caso di mancata applicazione dell’imposta di bollo, il cliente deve presentare la fattura all’Agenzia delle Entrate, al fine di regolarizzarla, facendosi carico dell’imposta di bollo senza alcuna sanzione o interesse. Se ciò non accade, sia il prestatore sia il cliente sono solidalmente responsabili per l’imposta di bollo, sanzioni e interessi in caso di accertamenti.

Condividi l'articolo:

Ultime News

25Lug2018
Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 24 luglio il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri datato 16 maggio che fissa I criteri per il beneficio fiscal – credito d’imposta- del 75%, che potrà diventare del 90% per microimprese e Pmi
17Lug2018
Dal 14.07.2018 è stato soppresso l’obbligo, per i professionisti, di utilizzare lo split payment (scissione dei pagamenti) per le fatture emesse nei confronti di P.A. e soggetti assimilati relativamente a compensi soggetti a ritenuta d’acconto.
18Giu2018
controlli estivi della Guardia di Finanza, Agenzia delle Entrate, Inps, Inail o Ispettorato del Lavoro si concentrano, in particolare, sulle attività stagionali per rilevare la presenza di prestazioni senza l’emissione di ricevuta o scontrino fiscale